Proviamo un po’ NDepend

Oggi é successa una cosa che non mi aspettavo. Mi ha contattato Patrick Smacchia, il creatore di NDepend. Mi ha trovato online non so come e mi ha offerto una licensa pro 😀

Non ho mai usato NDepend prima d’ora quindi ovviamente ero molto curioso. A lavoro qui in Dell ovviamente facciamo un uso massiccio dei tool di analisi statica del codice e in molti casi sono integrati direttamente nelle build pipeline. Qualche volta li eseguiamo anche in locale ma non é una prassi obbligatoria, piú che altro é lasciato al buon cuore dello sviluppatore.

In ogni caso, questi tool sono diventati sempre piú avanzati nel corso degli anni ed aggiungono un valore enorme ad ogni progetto. Punto.

Possono facilmente identificare problemi insidiosi che potrebbero anche sfuggire alle suite di test. Oltretutto in molti casi riescono a dare ottimi suggerimenti per il refactoring, aiutando cosí a pulire il codice.

Torniamo a NDepend. É uno dei tool migliori sul mercato per l’analisi statica. Date uno sguardo alla pagina delle funzionalitá sul sito, la lista é bella lunga.

L’installazione é stata molto semplice, non ho avuto alcun problema. Basta seguire gli step della pagina Getting Started , nulla piú.

Ho installato anche l’integrazione con VS2019 e poi ho caricato uno dei progetti a cui sto lavorando ultimamente. La soluzione contiene 4 class libraries e i relativi progetti di test. Ho lanciato l’analisi di NDepend, filtrato i test (con il filtro “-test”) ed atteso qualche secondo.

NDepend analysis dashboard

Ora, devo ammettere che le dashboard un po’ mi spaventano. Non sono particolarmente bravo a leggere le statistiche e trarne un senso immediatamente. Di norma ho bisogno di un po’ di tempo per prendere confidenza con il formato dei risultati.

In questo caso peró tutto era abbastanza chiaro. Anche i risultati stessi erano buoni, il che mi ha anche messo di buon umore 😀

Per ora sono abbastanza contento di NDepend. Dopo meno di 30 minuti stavo giá aggiornando il codice e facendo commit con le modifiche suggeritemi.

Ovviamente ho soltanto “grattato la superfice”, ci sono tantissime funzionalitá che devo ancora esplorare. Non ho neppure usato il tool per la Test Coverage.

Penso peró che aggiungeró NDepend alla mia routine giornaliera. Nei prossimi giorni proveró a scrivere qualche altro articolo, giusto il tempo di entrare piú in sintonia 🙂

Proviamo un po’ NDepend
Torna su